Indietro

Gestioni sovracomunali, il consiglio dice no

L'assemblea ha votato un ordine del giorno contro alle gestioni di servizi imposte dall'alto

BAGNI LUCCA — La seduta del consiglio comunale di martedì scorso ha visto la discussione di un importante atto di indirizzo incentrato sulla volontà del Comune di opporsi alle gestioni sovracomunali imposte dall’alto, nell’ottica della riappropriazione di funzioni e di servizi primari.

L’ordine del giorno è stato illustrato all’assemblea dall’assessore Maurizio De Mattia che ha spiegato il senso di questo atto di indirizzo che prosegue nella strada intrapresa dall’amministrazione Betti di mettere al centro della gestione dei servizi essenziali alla comunità l’interesse della stessa, svincolandosi, in questo modo, da logiche che non portano alcuna ricaduta positiva sul territorio, ma, in linea di massima, mirano a favorire altre logiche.

"Non intendiamo vedere i nostri servizi affidati a società sovracomunali – ha spiegato De Mattia – solo in base a stime sulla carta, bensì vogliamo riappropriarci delle funzioni, per poter essere sempre più vicini ai cittadini e ai loro bisogni. In questo modo, i cittadini di Bagni di Lucca non verranno sacrificati in nome di logiche che non appartengono al nostro territorio".

L’ordine del giorno – approvato con i voti della maggioranza –, infatti, intende sottolineare come alla base della scelta debba esserci sempre l’amministrazione comunale, sovrana del proprio territorio, che ha gli strumenti e le conoscenze più approfondite per effettuare le scelte migliori.

Una scelta, quella della giunta Betti, già perseguita con successo con l’affidamento della gestione dei rifiuti a Base srl: "Spesso – ha sottolineato il primo cittadino – si adotta una scelta piramidale, dove il vertice impone le scelte alle fondamenta, non comprendendo che, in questo modo, si penalizza proprio quella base sulla quale si dovrebbe reggere tutta la struttura. Ecco, quello che intendiamo evitare è proprio questo: che volontà verticistiche impongano al nostro territorio scelte che non ci appartengono e, soprattutto, penalizzano il nostro territorio e i nostri concittadini".

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it